Cerca nel blog

mercoledì 1 dicembre 2010

Prigioniere del silenzio (silloge poetica di Carmen Lama)

Ho letto una prima volta la silloge “Prigioniere del silenzio” di Carmen Lama, e mi propongo di rileggerla, poesia per poesia. E dopo terrò questo libro sul mio comodino, per aprirlo ogni tanto e leggerne ancora una a caso.
Perché leggere i suoi versi è come sentirla parlare con la sua voce calda, come venire in contatto con la sua anima delicata.
È la prima volta che avverto questa sensazione di avvolgente amorevolezza nelle parole di un poeta e ne sono piacevolmente sorpresa.
Conoscevo già da tempo la bravura di Carmen nel recensire, così come nel poetare, la sua capacità di penetrare il mondo interiore di chi si esprime in poesia.
Ma in queste sue di oggi ho provato l’emozione di essere condotta per mano a una condivisione più immediata, alla comprensione profonda della condizione femminile, che la sua poesia disvela come tacita accoglienza del dolore, della fatica, del silenzio.

I versi si dipanano in un crescendo sempre più vicino alla cognizione dell’essere, come se l’Autrice mormorasse a se stessa le sue umane paure, il suo ripiegarsi in domande che sa senza risposte.
Eppure se ne avverte la forza, il coraggio di chi sa che è necessario affrontare ogni vicenda che la vita presenta, e in questo sentirsi umanamente parte del comune destino.
“…E aspetterò tempi migliori.
convincerò la mia anima
che stiamo insieme giocando
a nasconderci dal lutto
che incomberebbe,
spietato
sul cuore inerme…”

Nel pathos di alcune strofe si intuisce quanto abbiano inciso gli accadimenti drammatici, quanto abbiano scavato i disagi delle incomprensioni, e quanto fatto emergere, però, dell’intima bellezza di una mente che osserva e pacatamente annota:
“…ognuno ha la sua dose
di morte quotidiana:
ogni giorno che passa
accorcia il filo
che porta al traguardo.
E quando è l’ora temuta
ognuno muore
della sua propria morte
che è unica, speciale e solitaria…”

A volte l’Autrice ha schiarite, soprassalti di luce, in cui si esprime con fare giocoso, come se guardasse con occhi sempre nuovi il mattino, il fiore, gli occhi di chi ama.
E allora i suoi versi acquisiscono una levità armoniosa e arieggiata, un respiro di sole.
Altra emozione è seguirla nel suo percorso tra donne accomunate da un filo rosso, tra speranza e timore, mai rassegnate, solo pazienti, in attesa che il tempo appiani l’incertezza e la vita continui il suo corso.
Carmen ci comunica così il suo sogno di poesia, mai ammutolito, questo, perché il silenzio può chiudere la bocca ma non il cuore.
Così la sentiamo palpitante quando l’amore ha urgenza di essere chiarito. Quando il sentire si fa troppo acuto e nemmeno il dialogo con Dio può lenirlo.
Ma lei ci prova, acconsente al mistero, con la consapevolezza di chi riconosce nel proprio limite umano qualcosa di prezioso, benché celato.
E allora il suo canto diventa speranza e gratitudine.
Grande consapevolezza, anche:
“…Ma io comprendo, Padre
E ti ringrazio, pure.”
“…Preferisco sfidare il mio destino
e vivere quel che sento, qui, ora,
e non m’importa dell’inferno futuro,
né del paradiso, paranoia dell’uomo…”
“…Lasciami, ti prego, vivere la mia vita,
se vorrai guadagnarti
il tuo Paradiso”

La poesia di Carmen Lama è un ruscello dalle acque limpide che dissetano e ristorano.
I suoi versi infondono coraggio, trasmettono forza e voglia di vivere.
Lascio che sia lei a salutarvi così:
“Forse
la pagina più bella
della tua vita
non è ancora stata scritta.”


Cristina Bove




Si può acquistare, prenotandolo presso qualsiasi libreria oppure si può richiedere online all'Editore
a questo indirizzo: http://www.alettieditore.it/emersi/ott10/lama.htm
(in fondo alla pagina si clicca su "Ordina il libro" e si invia poi una e-mail con i dati utili), oppure presso l'ibs: http://www.ibs.it/code/9788864983684/lama-m-carmen/prigioniere-del-silenzio.html
Posta un commento