Cerca nel blog

giovedì 14 luglio 2011

Stasera Anna dorme presto



  Simona Lo Iacono
Pagg.240, anno 2011, € 16,00
14 x 21 cm, ISBN: 9788879070973


Il sonno in verità tarda a venire, fa questo effetto leggere la corale a quattro di Simona Lo Iacono, che in questo libro di snoda come dai cantoni di una stessa stanza: la vita.
Balza agli occhi martellante il vocativo, che ci assicura attimo dopo attimo di essere ancora qua, non ci si può liberare né smettere.
Una bella impasse, non c’è che dire.
E proprio come nella vita reale, non si può fare altro che proseguire, facendosi orecchio e cuore in ascolto, mentre la mente tambureggia sulla verità che emerge, che lo si voglia o non.
I passi accompagnano i passi, il contrappunto si raddoppia in un crescendo insospettabile, che forse vorremmo fermare, o cambiare, per dar loro altro ritmo, altro assetto.
Perché intuiamo che non potremo restare indifferenti, così come in un’aula di tribunale al giudice non è dato defilarsi.
L’Autrice, magistrato e attenta osservatrice, scava nell’animo dei personaggi, li fa apparire e sparire, e ancora riapparire come in un gioco di prestigio, ma sempre il martelletto in agguato a richiamare all’ordine.
La mente cerca motivazioni a scelte che si vorrebbe fossero riproposte ancora, intatte, come bivi sui quali poter tornare per decidere diversamente.
Ma come ogni esperienza esistenziale duramente insegna, dei propri errori non si può non tener conto.
Le conseguenze a volte fanno la vita o la morte. Realmente, ineluttabilmente.
Tener conto delle più intime concessioni a un sé a volte non chiaro, non linearmente adatto a un rettilineo: l’anima ha percorsi tortuosi, sentieri imperscrutabili, dai quali non si torna indietro. Non lo consente il tempo, non lo permette l’intrecciarsi dei destini, anzi, inestricabile appare il labirinto dei giorni, delle omissioni o delle svolte che avrebbero potuto cambiarne il percorso.
E così, tra isola e continente, si dipanano quattro infelicità.
Simona Lo Iacono registra. È la relatrice di un processo a porte aperte sull’incomunicabilità dell’anima.
Forse dovrebbe anche giudicare, ma non lo fa, lascia a noi ancora tempo, riservandosi, forse, la sentenza benevola per tutti, testimoni compresi.
Il lettore si senta parte in causa: verrà assolto, per non aver commesso il fatto.
Stava leggendo, alibi perfetto.

Cristina Bove


Simona Lo Iacono è nata e vive a Siracusa. Magistrato da 14 anni, attualmente dirige la Sezione distaccata di Avola. Cura, sul blog Letteratitudine di Massimo Maugeri (Kataweb-L’Espresso), una rubrica fissa a metà tra diritto e letteratura . Con il suo primo romanzo Tu non dici parole ha vinto il Premio Vittorini 2009- sezione opera prima. Nel 2010 ha pubblicato il racconto La coda di pesce che inseguiva l'amore scritto con Massimo Maugeri. Sempre nel 2010 le sono stati conferiti: il Premio Internazionale Sicilia “Il Paladino” per la narrativa e il Premio Festival del talento città di Siracusa. Collabora a riviste e magazine.

Guarda anche il booktrailer di Stasera Anna dorme presto:
http://www.youtube.com/watch?v=wLVDBBvtm2Y
Posta un commento