Cerca nel blog

giovedì 1 luglio 2010

Doppio ritratto


di
  Alberto Carollo

Questo che ho appena finito di leggere è un libro particolare, articolato sulla quotidianità dei rapporti  ma soprattutto sulla varietà delle sfumature psicologiche che li caratterizza.
Dimostrazione di quanto sia arduo penetrare i meandri della propria e altrui psiche, quando gli avvenimenti si susseguono senza tregua e con inevitabili interazioni che ne condizionano gli sviluppi.
In questo caso specifico, l’Autore riesce a spostare l’attenzione del lettore sulla complessità dei caratteri dei personaggi, “dipinti” sia quelli reali che quelli ritratti, con precise pennellate d’intuito.
Si intrattiene col lettore offrendo aspetti nuovi e articolati perfino delle motivazioni di un pittore.
E già questo sarebbe bastante a definire Alberto Carollo un investigatore a-temporale, uno psiconauta dell’interiorità e delle tematiche espressive.
Un libro per chi ama addentrarsi e conoscere se stesso e documentarsi su un aspetto insolito dell’Arte.

Cristina Bove
Posta un commento