Cerca nel blog

venerdì 27 febbraio 2009

viole(n)t red





“ Fuori la luce della luna oscillava insieme al movimento delle nubi spinte dal vento, Alanna si affacciò dalla sua tana di cemento e vide la luce fredda e bluastra disegnare le figure di un uomo e di una donna.

Lui era sdraiato sotto e lottava per liberarsi. La donna gli stava sopra e gli stringeva la gola.

La luce della luna scintillò su una ciocca argentea…”



Siamo a poco meno della metà del libro, non potete immaginare l’antefatto né potete proiettarvi nel prosieguo. Dunque?

Dunque dovreste leggerlo.

Ve lo consiglia una che non si è mai appassionata a questo genere, eppure si è lasciata travolgere dalla vis narrativa delle due sorprendenti “gialliste”.

Laura Costantini e Loredana Falcone sono una forza della scrittura, insieme creano romanzi di grande spessore letterario, con minuziosa attenzione ai particolari e descrizioni di fatti storicamente ineccepibili.

A questo si aggiungano inesauribile originalità e fantasia, e il gioco è fatto.

Anche in questo viole(n)t noir danno vita e risalto a tutto un contorno di personaggi ed azioni degno dei più noti giallisti.

Molta cura nel procedere della storia, nel rendere sia le atmosfere che i sentimenti.

L’umano, per quanto anomalo, resta pur sempre umano. È forse questa la chiave segreta che le AA usano con maestria, mantenendo desta l’attenzione del lettore, inchiodandolo alla poltrona, libro in mano, fino all’epilogo.

Insomma, proprio da non perdere!
Posta un commento